Menu
 

RUOLO DELLO STRESS OSSIDATIVO NELLE PATOLOGIE DERMATOLOGICHE

La pelle rappresenta un organo che, per estensione e complessità, gioca un ruolo determinante nell’economia generale dell’intero organismo. Quest’ultimo, grazie ad essa, è costantemente in contatto con l’ambiente esterno con il quale scambia informazioni di ogni tipo ed elabora delle risposte finalizzate a mantenere la propria omeostasi. Purtroppo, la pelle rappresenta anche un organo ampiamente esposto a noxae patogene di natura fisica, chimica e biologica, endogene e esogene, che possono alterarne in varia misura la struttura e/o la funzione, attraverso una serie di meccanismi lesivi, tra i quali gioca un ruolo determinante lo stress ossidativo.
Studi recenti hanno messo in relazione i danni provocati dai radicali liberi, e nelle situazioni in cui si instaura un condizione di stress ossidativo, con l’eziopatogenesi di specifiche malattie dermatologiche: psoriasi1, 2, dermatite seborroica3, acne4 e in generale in molte altre malattie della pelle5.

DERMAL DETOX® riduce i metaboliti coinvolti nei processi ossidativi attraverso un approccio innovativo:
ANZICHÉ INTRODURRE ELEMENTI ESTRANEI, CHE POTREBBERO AVERE CONTROINDICAZIONI, DERMAL DETOX® ASDORBE DALL’ESTERNO LE SOSTANZE OSSIDANTI PRESENTI NELLA CUTE

DERMAL DETOX® adsorbe e “lega” quegli elementi come i Lipoperossidi e gli AGE, creati dall’effetto distruttivo dei radicali liberi sulle strutture cellulari.

LA SINERGIA MOLTIPLICATIVA DI DUE MINERALI

I principi attivi contenuti in DERMAL DETOX® sono due: una Bentonite Attivata, unica al mondo, di nostra creazione, e una particolare Zeolite Clinoptilolite. La nostra Bentonite Attivata è il risultato di una collaborazione con Medici specialisti in Nefrologia, Endocrinologia e Dermatologia che ci ha permesso, dopo anni di ricerche, di ottenere un minerale dalle peculiari caratteristiche. La Zeolite Clinoptilolite è un minerale di origine vulcanica la cui azione è basata sull’effetto di setaccio molecolare, sulla capacità di scambio cationico e sul potere adsorbente. La miscela così ottenuta si comporta come una resina cationica dalle peculiari caratteristiche chimico-fisiche.

DERMAL DETOX® È STATO SCIENTIFICAMENTE FORMULATO PER OTTENERE UNA SINERGIA MOLTIPLICATIVA DEGLI EFFETTI DEI DUE PRINCIPI ATTIVI CHE SVOLGONO UNA POTENTE AZIONE ANTIOSSIDANTE E DETOSSINANTE SULLA CUTE.

 MECCANISMI D'AZIONE

DERMAL DETOX® basa la propria efficacia su due meccanismi, prettamente fisici, quindi non chimici o farmacologici, che agiscono contemporaneamente. 

1) SCAMBIO IONICO. DERMAL DETOX® è ricco di Ioni Calcio (Ca++), bioregolatore di molti processi metabolici, che vengono scambiati con ioni di carica equivalente come per esempio il potassio e l’idrogeno H+ (che acidifica il sangue). Questi ioni aderiscono alla superficie della resina e vengono eliminati con un semplice lavaggio quando si rimuove DERMAL DETOX®.
2) ADSORBIMENTO. DERMAL DETOX® si lega a tutte quelle sostanze che pur non potendo sostituirsi agli ioni calcio aderiscono a DERMAL DETOX® e vengono così rimosse. Grazie a questi legami con le molecole presenti in DERMAL DETOX® i lipoperossidi e gli AGE vengono rimossi.

LO SCAMBIO CATIONICO 

La capacità di scambio cationico (spesso abbreviata con CSC) è la quantità di cationi scambiabili, espressa in milliequivalenti per 100 grammi (meq/100g), che un materiale, detto scambiatore, dotato di proprietà di adsorbimento può trattenere per scambio ionico.
La capacità di scambio cationico delle sostanze contenute in DERMAL DETOX® raggiunge valori di 4,5 meq/g, nettamente superiori a quella di altri composti inorganici naturali. Tale valore è raggiunto grazie all’elevato numero di cationi contenuti all’interno di DERMAL DETOX® che gli permettono di agire efficacemente sulle sostanze ossidanti. 

 

La nostra “Bentonite Attivata” e la Zeolite Clinoptilolite non contengono sostanze velenose o metalli pesanti come arsenico, piombo, mercurio, cadmio, fluoruri, pesticidi organoclorurati.
Produciamo formulazioni secondo canoni farmaceutici che coadiuvano le terapie dermatologiche. La sicurezza e l’efficacia delle nostre formulazioni sono comprovate da sperimentazioni cliniche effettuate da Medici competenti in strutture specializzate. 

VARIAZIONI DEI LIVELLI DI LIPOPEROSSIDI CUTANEI DOPO 1 APPLICAZIONE DI DERMAL DETOX® 

Lo stress ossidativo gioca un ruolo determinante nell’alterazione in varia misura della struttura e/o funzione della pelle. Con questa espressione si intende la perdita del fisiologico equilibrio tra la produzione e l’eliminazione, da parte dei sistemi di difesa antiossidante, delle cosiddette specie reattive dell’ossigeno ROS7. La semplice esposizione della pelle alle radiazioni solari favorisce anche la fotolisi delle molecole d’acqua presenti nei vari strati cutanei con liberazione, da esse, del radicale idrossile. Il conseguente attacco delle diverse molecole organiche suscettibili genera i perossidi, in particolare gli idroperossidi lipidici o lipoperossidi (LOOH), che si riversano sia nel sangue sia nei liquidi extracellulari e, quindi, sulla superficie cutanea, ove si raccolgono nel film lipidico che riveste l’epidermide, nel sebo e nel sudore, a testimoniare l’avvenuto insulto ossidativo7,8. I lipoperossidi, però, rappresentano non solo semplici “spettatori” ma anche potenziali amplificatori del danno subito dalle cellule e dalla matrice extracellulare nei vari strati della pelle8. Infatti, in condizioni di acidosi, a causa del rilascio del ferro dai depositi tissutali, essi possono essere trasformati, per effetto della reazione di Fenton, in radicali alcossili e perossili altamente reattivi e, quindi, fortemente istolesivi8. Di qui, l’ulteriore aggravamento del danno iniziale che, se non tempestivamente corretto, può estendersi a macchia d’olio, accelerando il processo dell’invecchiamento e favorendo l’insorgenza o aggravando il decorso di numerose patologie, locali e sistemiche8.


Lo studio ha rilevato un incremento medio del 43% dei lipoperossidi cutanei, di presumibile origine profonda, emersi sulla superficie della pelle in seguito all’azione di adsorbimento realizzata da DERMAL DETOX®. Tali sostanze possono, così, essere facilmente rimosse risciacquando la pelle con abituali tecniche di detersione. L’incremento è risultato spiccatamente e statisticamente significativo nel 78% delle donne che hanno partecipato allo studio. 

Risultati di uno studio condotto su 18
volontari, 15 donne e 3 uomini, misurando le quantità di lipoperossidi cutanei prima e dopo un solo trattamento con DERMAL DETOX®.
Trattamento: applicazione in strato sottile, su cute del viso pulita e asciutta. Posa di 30 minuti. Asportato con acqua tiepida.

 

 

 

Determinazione della concentrazione dei perossidi lipidici sul film cutaneo superficiale del volto mediante SKIN PEROXIDE TEST (Diacron International s.r.l., Grosseto). Lo SKIN PEROXIDE TEST, si basa sulla capacità dei perossidi lipidici presenti in un campione biologico di ossidare il ferro che, reagendo con un tiocianato (cromogeno), sviluppa un derivato rosa, valutabile fotometricamente 9-10. Età media dei soggetti che hanno partecipato allo studio: compresa tra 17 e 66 anni.

La capacità della formulazione su cui si basa DERMAL DETOX® di scambiare cationi e, in particolare, di rilasciare ioni calcio e trattenere ioni idrogeno, fornisce di per sé un meccanismo protettivo nei confronti del possibile ulteriore danno cutaneo da parte dei perossidi lipidici fatti emergere in superficie6-8. Infatti, prevenendo l’abbassamento del pH da carico acido, si blocca il rilascio dei metalli di transizione dalle proteine di deposito e, quindi, la reazione di Fenton, responsabile della radicalizzazione dei perossidi e, quindi, dell’insulto ossidativo8.

VARIAZIONI DELLA CONCENTRAZIONE DI AGEs TISSUTA LI DOPO 1 APPLICAZIONE DI DERMAL DETOX® 

Gli AGEs (Advanced Glycation End products), sono i prodotti finali della glicazione avanzata. Essi si formano quando una molecola di glucosio si lega a una proteina senza il controllo di un enzima. Le proteine sono i mattoni della vita e costituiscono la maggior parte dei tessuti dell’organismo. Ad esempio il collagene è una fibra di origine proteica che rappresenta il principale costituente della pelle. La ridotta o compromessa integrità delle proteine ha un profondo impatto sia sull’aspetto esteriore del corpo sia sul suo funzionamento. La presenza di AGEs nella cute influenza la formazione della matrice extracellulare e l’invecchiamento cutaneo11,12. Conseguenza ne è l’alterazione morfo-funzionale del connettivo e quindi la degenerazione estetica e funzionale, che determina comparsa di rughe, rallentamento del tempo di guarigione delle ferite, perdita di elasticità dei tessuti, disorganizzazione delle macromolecole, perdita di matrice extracellulare. 

L’analisi strumentale è stata condotta con AGE Reader® uno strumento clinicamente validato13, 14, 15 che misura l’accumulo nei tessuti dei prodotti della glicazione avanzata (AGEs) mediante tecniche di fluorescenza (auto fluorescenza della pelle). AGE Reader® “legge” la quantità di AGEs presenti nei tessuti basandosi sul principio che gli AGEs una volta eccitati con luce ultravioletta emettono una fluorescenza con una lunghezza d’onda ben definita, la cui intensità è correlata con la concentrazione tissutale di questi composti. 

Dopo il trattamento, l’analisi strumentale con AGE Reader® ha rilevato una diminuzione del coefficiente di auto-fluorescenza (AF) in tutti i soggetti sottoposti allo studio, esclusi i quattro soggetti usati come campione di controllo. 

Risultati di uno studio condotto su 20 volontari, 16 donne e 4 uomini, misurando le quantità di AGEs cutanei prima e dopo un solo trattamento con DERMAL DETOX®.

Trattamento: applicazione in strato sottile, su cute pulita e asciutta. Posa di 30 minuti. Asportato con acqua tiepida.
La riduzione media dell’indice AF = 20,5 % è legata alla diminuzione della concentrazione di AGEs nella zona della cute sottoposta al test.
L’esame visivo comparativo, ha evidenziato, dopo il trattamento, un miglioramento dell’aspetto della cute, diretta conseguenza della riduzione degli AGEs operata da DERMAL DETOX® e correttamente misurata dallo strumento AGE Reader®.
Il trattamento è risultato ben tollerato e non si è rilevato alcun effetto collaterale indesiderato. Non sono state riscontrate significative differenze nella risposta tra i due sessi. 

La riduzione degli AGEs rallenta la degenerazione estetica e funzionale della cute. 

UN’INTERESSANTE ESPERIENZA CLINICA 

Il board scientifico composto da Nefrologi e Endocrinologi che ha messo a punto la nostra sostanza, nel corso delle esperienze volte alla comprensione dei meccanismi fisico-chimici, ma anche delle possibili applicazioni mediche, ha svolto un’esperienza clinica che voleva rispondere ad un preciso interrogativo: una sostanza che si comporta come una resina cationica, dotata di un elevato valore di scambio cationico, se stesa sulla cute per un tempo ragionevolmente lungo, può modificare i parametri ematici di un soggetto? 

DESCRIZIONE DELL’ESPERIENZA: 

• Applicazione sulla cute come fango per 60 minuti
• 10 volontari sani (5M + 5F);
• Età media 40 ± 5 anni

• Prelievi ematici pre e post applicazione
• Determinazione di 30 parametri ematici

RISULTATI: 

Riduzione della MDA del 24% (range 10-32%). La MDA (Malonildialdeide) è l’indice misurato per valutare la perossidazione lipidica, ossia uno degli indici importanti per valutare il rischio di aterosclerosi (più alto è il valore di MDA e maggiore è il valore di rischio di aterosclerosi).
Riduzione dell’UREA dell’8% e quindi del catabolismo azotato. L’urea è presente nel sangue e nell’urina. È il prodotto finale del catabolismo delle proteine. Viene eliminata dai reni, attraverso l’urina.
Riduzione OMOCISTEINA del 2% quindi lieve riduzione del danno aterosclerotico diretto, poiché il deposito di omocisteina sulla parete vasale risulta lesivo, attraverso vari meccanismi. L’omocisteina viene oggi considerata come uno dei più importanti fattori di rischio cardiovascolare.
Riduzione POTASSIO (5%) e del BICARBONATO (4%) con potenziale effetto benefico nelle alcalosi e nelle iperpotassiemie.
Riduzione dei Radicali liberi dell’Ossigeno (ROS) del 34%. Con una sola applicazione esterna si rimuovono i ROS del letto vascolare.
Miglioramento dell’attività di 2 enzimi eritrocitari: Catalasi (CAT) e Superossidodismutasi (SOD).
Rilascio nel torrente ematico di ioni Ca ++ importanti cofattori di numerosi enzimi.
Nessuna modificazione di: Proteine, Mg, Globuli Bianchi, Piastrine, Leucociti, Bilirubina. 

 

AZIONE ADSORBENTE

 

 

 

 

L’elevato potere adsorbente dei minerali presenti in DERMAL DETOX® attira e trattiene le sostanze ossidanti, realizzando un’azione detossinante e antiossidante.

 

 

 

INDICAZIONI

coadiuvante nel trattamento cosmetico di tutti i tipi di pelle. formulata con polveri minerali di Bentonite e Zeolite Clinoptiolite arricchite con vitamina E, olio di Borragine ricco in Omega 6 (acido linolenico). Svolge azione detossinante, antiossidante, purifi cante, emolliente e antiage.

Coadiuvante nell’assorbimento e riduzione delle sostanze ossidanti mediante azioni di tipo fisico NON farmacologico.

CARATTERISTICHE
DERMAL DETOX® è una combinazione innovativa di minerali (Bentonite Attivata e Zeolite Clinoptilolite), coadiuvante nell’assorbimento e riduzione delle sostanze ossidanti mediante azioni di tipo fisico NON farmacologico. Non contiene parabeni e petrolati.
MODALITÀ D’USO
applicare uno strato uniforme di prodotto sul viso e/o sul corpo. Lasciare agire per 20 minuti e poi rimuovere con acqua tiepida o con l’ausilio di dischetti di cotone inumiditi. Per un’azione più profonda, lasciare agire per 30 minuti. Per una migliore risposta cutanea applicare il prodotto 2/3 volte la settimana; può essere utilizzato anche quotidianamente per trattare le pelli più danneggiate asfi ttiche e rugose. Possono verifi carsi, in seguito alla posa, lievi arrossamenti che tenderanno ad attenuarsi spontaneamente in pochi minuti. Un leggero pizzicore iniziale è del tutto normale.

AVVERTENZE
prodotto per uso esterno. NON INGERIRE. Non applicare su cute lesa e/o su mucose.
Contenuto: 100 ml.

BIBLIOGRAFIA ESSENZIALE 

1. A. Damasiewicz-Bodzek and T. Wielkoszyński. Advanced protein glycation in psoriasis. Journal of the European Academy of Dermatology and Venereology. Volume 26, Issue 2, February 2012, Pages: 172–179.
2. Dipali P. Kadam, Adinath N. Suryakar, Rajesh D. Ankush, Charushila Y. Kadam, and Kishor H. Deshpande. Role of Oxidative Stress in Various Stages of Psoriasis. Ind J Clin Biochem (Oct-Dec 2010) 25(4):388–392.
3. Emre S, Metin A, Demirseren DD, Akoglu G, Oztekin A, Neselioglu S, Erel O. The association of oxidative stress and disease activity in seborrheic dermatitis. Archives of Dermatological Research. doi: 10.1007/s00403-012-1254-0.
4. Bowe WP, Patel N, Logan AC. Acne vulgaris: the role of oxidative stress and the potential therapeutic value of local and systemic antioxidants. Journal of Drugs in Dermatology. 2012 Jun;11(6):742-6.
5. Shah AA, Sinha AA. Oxidative stress and autoimmune skin disease. European Journal of Dermatology. 2013 Jan-Feb;23(1):5-13.
6. Delalle-Lozica N. Local therapy as basic anti-aging prevention. Acta Clin Croat. 2010. 49 (4): 529–536.
7. Girotti AW, Kriska T. Role of lipid hydroperoxides in photo-oxidative stress signaling. Antioxid Redox Signal. 2004. 6 (2): 301–310.
8 Iorio EL, Balestrieri ML. Lo stress ossidativo. Trattato Italiano di Medicina di Laboratorio, di Angelo Burlina, Ed. Balestrieri C, Piccin, Padua, Italy. 2009. 533–549.
9. Dohi K, Satoh K, Ohtaki H, Shioda S, Miyake Y, Shindo M, Aruga T. Elevated plasma levels of bilirubin in patients with neurotrauma reflect its pathophysiological role in free radical scavenging. In Vivo. 2005. 19 (5): 855–860.
10. Iorio EL. The integrated approach of redoxomics and its implications in aesthetics and antiaging medicine. Proceedings Aesthetics Asia 2010. 2010, September, 17–19. Singapore. 2010. 28–29.
11. Haus JM et al. Collagen, cross-linkin and advanced glycation end products in aging human skeletal muscle. J Appl Physiol 2007; 103 (6): 2068-2076.
12. Sajithlal GB et al. Advanced glycation end products induce crosslinking of collagen in vitro. Biochim Biophys Acta 1998; 1407 (3): 215-224.
13. Correlation between diabetic retinopathy severity and elevated skin autofluorescence as a marker of advanced glycation end-product accumulation in type 2 diabetic patients. Hirano T. et al. J Diabetes Complications. 2014 Mar 10. Epub.
14. Advanced glycation end products in the skin are enhanced in COPD. Hoonhorst S.J. et al. Metabolism. 2014 Jun 13. Epub.
15. Skin Autofluorescence, a Non-Invasive Marker for AGE Accumulation, Is Associated with the Degree of Atherosclerosis. den Dekker MA. et al. PLoS One. 2013 Dec 23;8(12):e83084.
16. The effects of Bentonite and Calendula on the improvement of infantile diaper dermatitis. Mohsen Adib-Hajbaghery, Mansoreh Mahmoudi, and Mahdi Mashaiekh. J Res Med Sci. Apr 2014; 19(4): 314–318.
17. Bentonite, Bandaids, and Borborygmi. Lynda B. Williams, Shelley E. Haydel, Ray E. Ferrell Jr. NIH Public Access.